Tutta la verità su Creditore contro Debitore: Perché NON iniziare una causa per tentare il pignoramento ! (SECONDA PARTE)

Vi avevamo lasciato qualche giorno fa con tante informazioni utili ma anche tante domande sulle cause di pignoramento

Noi, come promesso, vi sveliamo dunque TUTTI i dettagli che vi permetteranno definitivamente di capire qual è la verità sull’argomento e poter operare la vostra scelta in maniera totalmente consapevole!!!

 

Come vi abbiamo precedentemente spiegato, il buon esito dell’esecuzione dipende dalla correttezza delle informazioni a disposizione del creditore e dalla scelta del mezzo di esecuzione che maggiormente si adatta alla situazione del debitore.
Questo di seguito è lo schema delle possibilità di scelta – tra i vari tipi di esecuzione – che si profilano per il creditore:

 

  • Beni immobiliimmobili_sx

In presenza  di beni immobili intestati o cointestati al debitore, si procede con il pignoramento immobiliare.

(e se il debitore beni immobili non ne ha ?? avrete in mano una sentenza che non servirà a nulla e che avrete profumatamente PAGATO…!!! )

È la procedura che garantisce maggiore possibilità di successo per il creditore, non fosse altro per l’indubbia pressione psicologica che esercita sul debitore l’essere privato del proprio tetto, che lo porta spesso a pagare bonariamente.

Se il valore dell’immobile è superiore a quello del credito per cui si procede e se non intervengono altri creditori privilegiati nella procedura, il creditore ha la possibilità di recuperare il capitale, interessi e spese legali.

Gli SVANTAGGI connessi alla scelta della procedura esecutiva immobiliare riguardano i TEMPI e i COSTI.

I COSTI della procedura sono INGENTI.

Dette spese devono essere anticipate dal creditore.

(visto ?? … ve l’avevamo detto …. o no ??)

I TEMPI NON SONO MAI INFERIORI AD ALCUNI ANNI (dipende dal carico di lavoro del Tribunale).

In media la procedura dura 5/6 ANNI, ma ciò dipende anche dall’eventualità che il bene si venda o meno

  • Conti correnticc

Quando si è a conoscenza di rapporti di conto corrente intrattenuti dal debitore presso una o più banche si può procedere con il pignoramento presso terzi.

E se io queste informazioni non le ho?
Se il conto corrente è scoperto?
E se il conto, che io credevo avesse il debitore in quella banca, invece non ce l’ha ?? cosa faccio ??

….Andiamo avanti…ma non ditemi che non ve l’avevo detto…!!

Tale procedura inizia con un atto di pignoramento presso terzi da notificare, oltre che al debitore, anche alla banca o alle banche presso cui il debitore risulta avere somme depositate.

Il nominativo della banca di riferimento può essere desunto da circostanze attinenti lo svolgimento dell’attività commerciale del debitore, quali l’emissione di assegni o le modalità di pagamento richieste dallo stesso debitore.

La procedura presso terzi non è particolarmente rapida ed efficace dal momento che pone si un vincolo immediato sulle somme o sui beni detenuti dal terzo pignorato, ma solo se queste esistono effettivamente !!!

I COSTI della procedura non sono affatto contenuti.

I TEMPI della procedura sono tutt’altro che brevi (anche in questo caso, dipende dal Tribunale).

Infatti, in questa procedura, la fase più delicata è proprio l’individuazione delle somme da pignorare.

 

  • Stipendi, compensi, pensioni, ecc.

imagesL’esistenza di un rapporto di lavoro dipendente o di altra forma di collaborazione nel caso di debitore persona fisica (non quindi una associazione, una società o una ditta) consente di procedere con il pignoramento presso terzi dello stipendio o del compenso presso il datore di lavoro (terzo pignorato).

ATTENZIONE !!! vedi qui sotto….

La procedura però presenta lo svantaggio del limite entro cui può avvenire tale pignoramento: 1/5 mensile. (sempre che non ci siano altri pignoramenti in atto, nel qual caso ci si dovrà mettere in coda…)

E se il debitore si licenzia e cambia lavoro ??

Si dovrà ripetere l’iter e pignorare il nuovo stipendio…ammesso di conoscere il nuovo datore di lavoro !!!

Per cui, la somma pignorabile mensilmente è, a volte, davvero minima (su uno stipendio di 1.000 euro, il pignoramento può essere non superiore a 200 euro).

Questo vuol dire che, in presenza di uno stipendio modesto e di un credito elevato, così come nel caso in cui più creditori abbiano optato per la stessa procedura, l’azione potrebbe richiedere tempi molto lunghi.

I COSTI della procedura anche qui NON SONO CONTENUTI.

 

  • Rapporti contrattuali (crediti)recupero-crediti

Se il debitore risulta essere, a sua volta, creditore di somme nei confronti di un terzo, è possibile procedere con il pignoramento (presso terzi) di tali somme presso il terzo contraente.

I COSTI della procedura sono ONEROSI (per via della necessità di reperimento delle informazioni).

Anche qui i TEMPI non sono brevi e non vi è certezza di successo per tutto quanto detto sopra.  

 

  • Beni mobili

beni_mobiliSi procede con il pignoramento mobiliare presso il debitore nel caso di debitore persona fisica.

Tale pignoramento non necessita di particolari formalità relative alla individuazione dei singoli beni.

Il creditore è tenuto a indicare unicamente l’indirizzo della sede o della residenza del debitore e sarà l’ufficiale giudiziario che procederà alla individuazione di beni eventualmente pignorabili.

Le possibilità di successo sulla procedura, ai fini dell’effettivo recupero del credito non sono particolarmente elevate.

Spesso infatti i beni individuati dall’ufficiale giudiziario hanno un valore basso e, soprattutto, la vendita all’asta è assai improbabile.

I COSTI, poi, si rivelano spesso sproporzionati. Infatti c’è da pagare l’Istituto Vendite Giudiziarie per le procedure di vendita del bene.

Inoltre, i TEMPI da attendere per le varie aste possono essere anche di diversi mesi e a volte anni !!!  

 

[Tuttavia, tenete sempre presente che se l’espropriazione appare eccessiva o sproporzionata, o si ci si trova in situazione di accanimento nei confronti del debitore, lo stesso debitore può presentare al giudice dell’esecuzione una istanza di riduzione del pignoramento, nella maggioranza dei casi, ottenendola!!]

 

Emergency Information

CONCLUSIONI:

Vi abbiamo fornito un quadro specifico delle possibili strade da seguire, dei rischi, dei costi dei tempi e delle situazioni di estrema incertezza, fornendovi utili consigli.

Riteniamo che un’accurata informazione e quantificazione dei costi, unita ad una attenta simulazione di quello che potrebbe accadere caso per caso, sia la migliore soluzione alle vostre esigenze.

Noi siamo qui per fornirvele.

 

CONTATTACI PER SAPERNE DI PIU’…

Leave a Reply

×

CIAO!  invia la tua richiesta di informazioni su WhatsApp.

× CONTATTACI SU WHATSAPP...